Business

Materie prime volano ancora: forti aumenti per cereali e metalli


L’invasione russa dell’Ucraina ha provocato un terremoto nel mercato delle materie prime, non solo per il petrolio, con i prezzi dei cereali e di alcuni metalli come nickel e alluminio che nell’ultima settimana hanno registrato apprezzamenti superiori al 15 per cento. Una tendenza che dovrebbe proseguire ulteriormente visto il ruolo giocato da Russia e Ucraina nella loro produzione.

All’apertura del Salone Internazionale dell’Agricoltura di Parigi il presidente francese Macron ha annunciato un piano di resilienza per l’agricoltura mondiale per arginare l’impatto della crisi in atto. Massimiliano Giansanti, presidente di Confagricoltura, dice sì al piano e propone di puntarlo “in due direzioni: sostenere i redditi degli agricoltori tagliati dalla crescita dei costi di produzione e salvaguardare il potenziale produttivo del sistema agroalimentare europeo”. Anche perché, sottolinea Giansanti “la riduzione della produzione avrebbe effetti particolarmente negativi sull’inflazione”.

Aumento dei prezzi del grano: ruolo di Russia e Ucraina

Negli ultimi due decenni, Russia e Ucraina sono diventate attori importanti nei mercati mondiali dei cereali, in particolare per il grano. Negli ultimi due anni, entrambi sono stati la fonte di circa il 14% della produzione mondiale di grano e rappresentano circa il 28% delle esportazioni mondiali del cereale.

I due paesi sono anche importanti produttori ed esportatori di mais, sebbene meno dominanti sui mercati mondiali. Producono ed esportano anche altri prodotti agricoli.

Non sorprende quindi che i mercati spot e futures per grano, mais e soia siano aumentati entro la chiusura degli affari il 24 febbraio, il giorno dell’invasione.
C’è, tuttavia, un’altra importante conseguenza economica della guerra: l‘impennata dei prezzi dell’energia. Se persistono, i prezzi molto più elevati del petrolio e del gas naturale aumenteranno i costi di spedizione del grano ai mulini, della farina ai fornai e del pane e dei dolci agli scaffali dei supermercati. Aumenteranno anche i costi di lavorazione per tutti i prodotti alimentari e bevande.
In questo scenario, è probabile che i prezzi del grano e di altri cereali rimarranno a livelli eccezionalmente elevati, anche se i raccolti in altri principali paesi produttori ed esportatori di cereali come Stati Uniti, Argentina, Australia, Brasile e Unione Europea sono ben al di sopra della media.

Se la guerra finisse presto, tuttavia, con un cessate il fuoco e un accordo che consentisse la ripresa delle esportazioni di grano dall’Ucraina e dalla Russia, i prezzi del grano e dei semi oleosi (soia) sarebbero moderati.

La frase “se persiste” è ciò che crea la sfida nel prevedere l’impatto della guerra russa sui prezzi dei generi alimentari.

Anche altre materie prime sono influenzate dagli aumenti: Nichel e Alluminio

L’alluminio ha raggiunto un record e il nickel è balzato a un massimo di 11 anni mentre i commercianti si preparano alle interruzioni dell’offerta dalla Russia, uno dei principali produttori di entrambi i metalli, in un momento in cui le scorte globali si sono già ridotte drasticamente.

Le scorte di metalli, compreso l’alluminio, monitorate dal London Metal Exchange sono scese a livelli critici e sono ulteriormente scese mercoledì. Le forniture sono particolarmente scarse in Europa, dove l’aumento dei prezzi dell’energia ha costretto le fonderie a ridurre la produzione. L’aumento dei costi in Europa aveva spinto i commercianti a iniziare a spedire metallo su navi break-bulk dai magazzini a Port Klang in Malesia, anche prima dello scoppio della guerra. L’alluminio è salito del 10% e il nickel è salito fino al 9% nell’ultima settimana.
L’alluminio ha stabilito un nuovo record di $3.640,00 la tonnellata sul LME.



Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published.

close