Politics

“Ogni dramma ha la sua unicità. Si rischia di generare altro dolore”

Ogni dramma ha la sua unicità, va ricordato nella sua specificità e non va confrontato con altri, con il rischio di generare altro dolore”.

Così il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, in merito alla nota amministrativa emanata del Dipartimento per l’Istruzione in occasione del “Giorno del Ricordo”. Il ministro ha telefonato alla presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, Noemi Di Segni, e al presidente dell’Associazione Nazionale Partigiani Italiani, Gianfranco Pagliarulo, ricordando che il ministro e il ministero sono da sempre fortemente impegnati, e continueranno a esserlo, nella memoria della Shoah. Oggi pomeriggio il ministro sarà in aula, al Senato, per celebrare con le scuole il “Giorno del Ricordo“.

La polemica e la seguente pressa di posizione nascono dalla circolare del Ministero dell’Istruzione, a firma del capo dipartimento Stefano Versari, già presidente nazionale dell’associazione genitori delle scuole cattoliche, dove si legge questa frase: “Il Giorno del ricordo e la conoscenza di quanto accaduto possono aiutare a comprendere che, in quel caso, la “categoria” umana che si voleva piegare e culturalmente nullificare era quella italiana. Poco tempo prima era accaduto, su scala europea, alla “categoria” degli ebrei”.

Passaggio che ha provocato le proteste anche di Anpi, esponenti del Pd e Sinistra italiana.

Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published.

close