Politics

La città produttiva – Il Blog di Beppe Grillo

Come può una città essere socialmente giusta, ecologicamente sostenibile ed economicamente solida? E quale ruolo può svolgere l’industria urbana? Queste domande sono alla base di IBA27, un’ambiziosa mostra internazionale di costruzioni che si terrà a Stoccarda nel 2027. In vista dell’ultima fase di presentazione, designer di tutto il mondo stanno prendendo parte a molteplici progetti di pianificazione e architettura.

Nel marzo 2021, lo studio di architettura JOTT, con sede a Francoforte, si è classificato al primo posto in uno di questi progetti, un concorso per la progettazione di un nuovo quartiere nella città di Winnenden, nel sud della Germania. I partecipanti avevano il compito di elaborare i piani per quello che gli organizzatori chiamavano “un quartiere urbano produttivo”.

Una volta completato, i visitatori del nuovo distretto di JOTT non troveranno auto. Ci sarà invece una serie di spazi di lavoro – capannoni industriali, cantieri e officine artigiane, uffici, spazi di lavoro condivisi, laboratori e studi – costruiti in sette blocchi ad uso misto ad alta densità con cortili interni. Intorno a questi si intrecceranno piazze pubbliche, prati e campi da gioco. I progetti includono anche una struttura per l’infanzia, usi commerciali e per il tempo libero, appartamenti ai piani superiori e spazi per l’agricoltura urbana sui tetti degli edifici. L’idea è che le persone che si guadagnano da vivere dovrebbero essere in grado di vivere e prosperare lì.

Il documento politico chiave dell’Unione Europea per lo sviluppo urbano sostenibile, la Nuova Carta di Lipsia, sostiene proprio questo tipo di città: la città produttiva. Ha lo scopo di abilitare e promuovere nuove forme di sviluppo ad uso misto, che vanno oltre, ad esempio, l’aggiunta di un negozio al dettaglio sotto un condominio.

La ricerca suggerisce che la produzione svolge un ruolo importante nell’aiutare le economie urbane a prosperare.

La produzione in un contesto urbano ha dimostrato di fornire posti di lavoro relativamente sicuri e ben retribuiti. È importante per il raggiungimento degli obiettivi di zero emissioni nette di carbonio e per la transizione verso economie circolari urbane. Riduce i chilometri per le consegne, promuove l’uso di veicoli per le consegne più sostenibili come le biciclette da carico e incoraggia lo sviluppo di centri di riparazione e riutilizzo locali. E, secondo la ricerca, rende gli spazi urbani più interessanti. Poiché nelle città ora non si producono più prodotti, eppure molti sembrano apprezzare l’opportunità di vedere come si fa.

La Guinness, ad esempio, ha recentemente annunciato l’intenzione di aprire un birrificio nel centro di Londra vicino a Covent Garden, riportando la produzione della birra in un’area in cui la birra è stata prodotta per la prima volta 300 anni fa.

E altri nuovi sviluppi arrivano dalle città di tutto il mondo, dal Makers District a uso misto di Rotterdam ai Makerhoods di Newark, negli Stati Uniti, fanno eco a questa tendenza. Nuovi metodi di produzione, come la stampa 3D, hanno reso la produzione meno inquinante e dirompente. Gran parte della produzione si è anche allontanata dalla produzione su larga scala, dai macchinari pesanti e dalle enormi infrastrutture verso aziende più piccole e su misura. In questo modo è più facile reintegrare l’industria nel tessuto urbano.

Inoltre, una nuova generazione di urban maker, sostenuta dal potenziale di piattaforme online come Etsy ( e molte altre ndr)  per vendere i propri prodotti, ha rinnovato l’immagine del settore. I consumatori, nel frattempo, vogliono sempre più artigianato locale e prodotti sostenibili e personalizzati.

Sebbene la maggior parte delle città sia stata utilizzata in modo misto nel corso della loro storia, le cose sono cambiate all’inizio del XX secolo. La pianificazione urbana modernista ha cercato di rendere le città più efficienti, razionali e igieniche. La suddivisione in zone è diventata dottrina di pianificazione standard. Di conseguenza, la maggior parte dei produttori è stata trasferita in parchi industriali alla periferia delle città.

Se gli urbanisti degli anni ’60 arrivarono a considerare la diversità nelle città come una risorsa, l’industria continuò comunque, letteralmente, a essere messa da parte. La produzione era percepita come sporca, buia e pericolosa, incompatibile con altri usi e superata.

Le economie urbane si sono spostate dalla produzione di prodotti fisici a fonti immateriali di generazione di ricchezza: industrie della conoscenza, cultura e servizi. A New York, i colletti blu e gli operai iniziarono a essere descritti come reliquie di un’epoca passata. Di conseguenza, i posti di lavoro nel settore manifatturiero sono crollati da oltre un milione negli anni ’50 a meno di 200.000 negli anni 2010.

L’idea della città produttiva potrebbe essere attualmente popolare, ma invertire questi processi di declino industriale di lunga data non è facile. Negli ultimi anni, la città di Bruxelles si è fatta un nome come polo produttivo locale. Eppure, la produzione industriale e l’occupazione sono ancora in calo.

A Londra, la situazione è simile. Si parla sempre più di manifattura urbana e la produzione artigianale e su piccola scala sono in aumento. Tuttavia, il contributo complessivo del settore al valore aggiunto lordo della città e all’occupazione totale è ancora lontano dal recuperare il declino degli ultimi decenni.

Per contrastare questa tendenza, il Piano di Londra 2021 – la strategia di sviluppo urbano della città – sostiene l’intensificazione e la densificazione dei siti industriali esistenti per creare ulteriore capacità, oltre a mescolarli meglio. Anche se manca una strategia a livello cittadino per reindustrializzare gli spazi urbani, suggerisce di sovrapporre gli usi: permettendo, per esempio, la costruzione di appartamenti sopra lo spazio industriale o rendendo i tetti utilizzabili per il tempo libero, il commercio e le infrastrutture verdi.

La prima fabbrica ad accesso libero del Regno Unito ha appena aperto nella Lea Valley, a nord-est di Londra. Questa impresa sociale, Bloqs, fornisce 32.000 piedi quadrati di spazio di lavoro e 1,3 milioni di sterline di attrezzature per una vasta gamma di mestieri in un magazzino convertito. Nasce affinché le persone possano guadagnarsi da vivere grazie al loro mestiere. Fa parte di un progetto di rigenerazione urbana da molti miliardi di sterline che porterà 10.000 case e 6.000 posti di lavoro nella zona.

E’ proprio il tipo di spazio produttivo di cui le nostre città hanno bisogno.

 

Ricerca di Johannes Novy, Docente Senior in Urbanistica, School of Architecture and Cities, University of Westminster, pubblicata su TheConversation. 

Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published.

close