Entertainment

Mattak tra Eminem e “Riproduzione vietata”. L’intervista a Radio DEEJAY

“L’hai capito, sono Matták / Porto Lugano sulla mappa / Mollami che sto andando up fra’ / Guardami ma adesso, perché dopo il disco volo su”.

Cantava così l’anno scorso Mattak nel suo singolo-manifesto L’Antagonista, prima dell’uscita del tanto atteso primo disco. E aveva ragione da vendere.

Riproduzione Vietata, il suo primo album ufficiale, lo ha reso il rapper più influente della Svizzera italiana. È il “disco grazie al quale ho sconfitto l’immobilismo”, scrive lui nei suoi testi. Anche se in realtà, in precedenza, aveva già spaccato abbastanza.

Chi è Mattak: età e “Riproduzione vietata”

Wad ha scoperto il rapper in una chiacchierata con Nayt, classe ’94 proprio come Mattia Falcone, in arte Mattak (abbreviativo di “mattacchione”), che compirà 28 anni il prossimo settembre.

Lui ha “portato Lugano sulla mappa”, anche se è nato a Caserta. In Svizzera si è diplomato postino, perché lì la posta è una cosa seria. Uscire dalla “terra di mezzo” del Ticino grazie alla musica non period facile. Neanche i suoi genitori all’inizio non ci credevano molto, ma nel tempo lui ha trasformato la musica dal suo piano B al piano A. 

“Puoi essere bravo quanto vuoi, ma devi saperti muovere in questo rapgame. Io ci sto lavorando” – Mattak in un’intervista del 2018

Perché la musica non è solo musica, quando diventa enterprise. Ci vuole un’organizzazione, chi ti aiuta a definire le date, a trovare contatti. Oggi Mattak (il soprannome che aveva da bambino) è diventato grande. Se si ascolta il CV che si è costruito al mic, si capisce subito che le cose non potevano andare diversamente.

L’ossessione per la metrica è la vera benzina di Mattak, che inizia a fare i primi freestyle a 15 anni. Scrive i primi testi, poi partecipa anche ai primi dwell. Insieme a Funky Nano si costruisce una reputazione dalle sue parti, fino alla svolta del 2014 quando vince il contest Join the crew della label italiana Machete.

“La forza del rap sta nello scriversi i testi da soli. Io vorrei arrivare al top con le mie sole forze” – Mattak

Si ritrova così dentro un brano bonus del Machete Mixtape 3, accanto advert artisti come Salmo, Fibra e Nitro. Su YouTube pubblica singoli e that includes con pilastri dell’hip hip italiano. Come i più recenti OPSS con Nayt e Gemitaiz (il suo pezzo più ascoltato su Spotify) o come Narciso con Murubutu, undicesima traccia del nuovo disco.

Per Riproduzione Vietata, il primo album uscito a giugno del 2021, gli fanno pubblicamente i complimenti Caparezza, Gué e Clementino. Proprio come aveva già fatto in passato Eminem. Sì, avete capito bene: un’investitura niente male…

“Sto disco è fatto di nitro / Un libro di ustione spietata / Un giro che sfoga ogni tipo di mia pulsione velata / Senza soluzione spiegata, una ricostruzione al micro / Riproduzione vietata”. – Intro

Mattak: “Ecco cosa mi ha scritto Eminem”

“Eminem è un alieno sceso da non si sa dove che ci ha fatto la grazia di rappare così”. – Mattak

Questo è il pensiero del rapper di Lugano (e un po’ di tutti quanti) sul rapper di Detroit, che ha appena firmato l’ennesimo document. Ciò che Mattak non si aspettava di certo è che anche il rapper di Detroit apprezza il rapper di Lugano…

Il 27enne conserva gelosamente, infatti, una lettera che gli ha scritto Eminem in persona, anche se ancora fa fatica a crederci. Nel testo scritto a mano, Slim Shady si complimenta con lui per il suo stile e lo ringrazia per averlo citato in una canzone. Ma come sono andate esattamente le cose? 

Il brano in questione si chiama Fast Lane, nel pezzo ci sono anche Sensei e Vas Angelov. Proprio quest’ultimo è stato in Shady Records, etichetta di Eminem. Sarebbe stato lui a portare la voce di Mattak all’orecchio di Marshall Mathers in persona. 

Non ci credete? Qui sotto la foto della lettera di Eminem per Mattak:

“È talmente surreale che non so se sia vero o se sia falso”. – Mattak

“Yo Mattak! Vas mi ha parlato MOLTO di te! Continua a fare le tue cose e a spaccare così, grazie mille per la citazione e le emozioni in “Fast Lane”! Saluti, Marshall”.

Mattak in tour: i concerti in Italia

Se volete ascoltarlo dal vivo, il tour di Mattak partirà l’11 marzo da Verona. Poi farà tappa a Roma, a Milano Magnolia, a Torino, nella sua Lugano, a Bologna e in mille altri posti. 

Trovate tutte le information sui suoi canali social, dove ha scelto di dedicare un publish advert ognuna delle 14 tracce che compongono il suo disco: a quanto pare, il rapper italo-svizzero è perfezionista non soltanto sul beat…

Volete una prova della sue capacità? Ascoltate qui sotto.

Nella parte finale dell’intervista con Wad, (esattamente dal minuto 9:37) Mattak chiude la bellezza di ben 220 rime in soli 82 secondi. Cliccare play per credere…

Guarda l’intervista di Mattak e le 220 rime chiuse dwell a Radio DEEJAY




Source hyperlink

Leave a Reply

Your email address will not be published.

close