News

Iraq, “dodici missili di produzione iraniana sparati su Erbil contro la zona del consolato e della base statunitense”

Nella notte tra sabato e domenica dodici missili sono stati lanciati contro l’space del consolato e della base Usa advert Erbil, nel Kurdistan iracheno. Si tratta, secondo le prime informazioni, di missili Fatih-110 di produzione iraniana. Funzionari delle forze di sicurezza irachene sentiti dall’Associated press hanno riferito che “sono stati lanciati dall’Iran“. Lawk Ghafuri, capo delle relazioni con i media internazionali del governo regionale curdo, ha fatto sapere by way of Twitter che il consolato non è stato colpito ma i missili hanno raggiunto l’space circostante. L’attacco, ricorda l’agenzia, arriva dopo che alcuni giorni fa un attacco missilistico di Israele vicino a Damasco ha ucciso due membri della Guardia nazionale iraniana.

La Iraqi information company riporta che il ministro della salute della provincia ha riferito che non ci sono state vittime né feriti. Il governatore della regione Masrour Barzani in una breve dichiarazione ha “fortemente condannato gli attacchi multipli” e chiesto ai civili di seguire le indicazione delle forze di sicurezza. “Non ci inchineremo ai codardi“, ha aggiunto. Il primo ministro iracheno, Mustafa al-Kazimi, ha parlato al telefono con Barzani e ha promesso un’indagine.

Il sindaco di Erbil, Omed Khoshnaw, secondo il Jerusalem Post ha affermato che non è chiaro se l’obiettivo fosse il consolato americano o l’aeroporto della città. Gli studi della stazione televisiva Kurdistsan24 sono stati danneggiati. Il chief religioso sciita Muqtada al-Sadr ha twittato: “Erbil sotto tiro. Come se i curdi non fossero iracheni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo on-line di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie,
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it


Sostieni adesso


Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Arabia Saudita, giustiziate 81 persone in un solo giorno: il numero più alto di sempre

next




Source hyperlink

Leave a Reply

Your email address will not be published.

close