Lifestyle

Le attrazioni turistiche più (e meno) convenienti del mondo


Dopo il podio, segue una lista di tanti altri posti che non hanno bisogno di presentazioni: luoghi così famosi e belli che valgono il viaggio e la visita, a prescindere da ogni classifica. Sono, nell’ordine il Castello di Praga e la Tour Eiffel, con lo stesso punteggio di 7.59, quindi la Victoria Peak di Hong Kong, che è una collina da cui si gode un panorama spettacolare sulla città, e – al settimo posto – la prima e unica attrazione italiana nella prime ten di questa classifica: quale, se non il Colosseo? L’Anfiteatro Flavio, il cui biglietto base costa 16 euro, non poteva non esserci, e ovviamente ha un numero irrilevante di recensioni unfavorable (1,3%). Chiudono la prime ten l’Acropoli di Atene e il Louvre.

Le peggiori attrazioni turistiche per rapporto qualità/prezzo

Scontato? Forse. In effetti quello che salta più agli occhi di questo studio è l’altra classifica, cioè quella delle attrazioni turistiche peggiori per rapporto qualità prezzo, anche perché in cima c’è una delle esperienze che ogni viaggiatore sogna di fare, e cioè l’Empire State Building, il celebre grattacielo di New York: d’altronde il biglietto costa ben 44 dollari (38 euro circa), non è affatto economico (come molte altre cose nella Grande Mela), perciò c’è chi dopo esserci salito ed essersi reso conto che in realtà a parte la vista non si fa molto altro, non lo ha sempre valutato in modo molto positivo. Al secondo posto invece c’è Buckingham Palace: per visitare la ormai ex residenza della Regina Elisabetta si paga un biglietto di 35,76 euro. Peccato per il principe Carlo: conta molto sull’apertura ai turisti delle residenze reali per far cassa, e proprio per questo di recente ha aperto i giardini di Buckingham persino ai picnic. Si resta in Inghilterra con il terzo posto, e cioè Stonehenge: gli enigmatici megaliti neotilici in questa classifica hanno un punteggio di appena 1.90.

Leggi anche:
Le 10 spiagge più belle del mondo, secondo Tripadvisor
Viaggio a Milano? Di venerdì costa meno, e poi comincia il weekend
I migliori percorsi di trekking del mondo



Source hyperlink

Leave a Reply

Your email address will not be published.

close