Business

Ucraina, Shell annuncia stop ai rifornimenti dalla Russia. I contratti non saranno rinnovati


La compagnia petrolifera Shell ha annunciato oggi che intende cessare di rifornirsi di petrolio e fuel russi in modo graduale in risposta all’invasione russa dell’Ucraina, compreso la fantastic immediata di tutti gli acquisti spot di greggio russo. 

La main dell’energia ha detto che chiuderà anche le sue stazioni di servizio, carburanti per aerei e lubrificanti in Russia e che non rinnoverà alcun contratto a termine russo. 

L’azienda petrolifera ha inoltre chiesto scusa per aver acquistato la scorsa settimana – a offensiva già iniziata – un carico di petrolio russo: “Siamo profondamente consapevoli che la nostra decisione della scorsa settimana di acquistare un carico di greggio russo da raffinare in prodotti come benzina e diesel – nonostante sia stata presa pensando prima di tutto alla sicurezza degli approvvigionamenti – non è stata quella giusta e ce ne scusiamo – ha affermato l’amministratore delegato di Shell, Ben van Beurden – Come abbiamo già detto, devolveremo i profitti dalle limitate quantità rimanenti di petrolio russo che raffineremo a un fondo apposito. 

“Lavoreremo con i associate e le agenzie umanitarie nei prossimi giorni e settimane per stabilire dove meglio allocare le risorse per alleviare le terribili conseguenze che questa guerra sta avendo sulla popolazione dell’Ucraina”, ha dichiarato ancora van Beurden.

“Le nostre azioni fino advert oggi sono state guidate da proceed discussioni con i governi sulla necessità del disimpegno dai flussi di energia provenienti dalla Russia, pur mantenendo le forniture di energia – ha proseguito il numero uno di Shell -. Le minacce di fermare i flussi di gasdotti verso l’Europa spiegano ancor di più le scelte difficili e le potenziali conseguenze che dobbiamo affrontare mentre cerchiamo di fare questo. Queste sfide sociali evidenziano il dilemma tra fare pressione sul governo russo per le sue atrocità in Ucraina e garantire forniture energetiche stabili e sicure in tutta Europa. Ma alla fantastic – ha concluso l’advert Shell -, spetta ai governi decidere sui compromessi incredibilmente difficili che devono essere fatti durante la guerra in Ucraina. Continueremo a lavorare con loro per aiutare a gestire i potenziali impatti sulla sicurezza delle forniture energetiche, in particolare in Europa”.



Source hyperlink

Leave a Reply

Your email address will not be published.

close