Business

Recensione Poco X4 Pro: di qualità ma con qualche compromesso da fare


La filosofia di Poco è sempre stata quello di offrire ai consumatori smartphone con il migliore rapporto prezzo/prestazioni in una fascia di prezzo “accessibile”. Il nuovo Poco X4 Pro conferma l’obiettivo ma rispetto al passato questo modello appare un po’ più di compromesso. 

Se infatti può vantare un comparto fotografico di buon livello e una elevata autonomia, accompagnati da show Amoled, cede qualcosa sulle prestazioni che pur non deludendo l’utente nell’utilizzo quotidiano scontentano gli smanettoni.

Il design

L’estetica richiama alla mente la scelta fatta dal modello high di gamma Xiaomi 11 Ultra, ovvero con il reparto fotografico posteriore incorniciato in un vistoso blocco rettangolare che copre 1/4 del telefono. Una scelta che appariva più sensata nel fratello maggiore viste le dimensioni del sensore, qui invece è meno giustificato anche se lo rende piuttosto riconoscibile rispetto ai telefoni in circolazione.

Tuttavia il peso del Poco X4 Pro aumenta in modo sensibile arrivando a 205 grammi, molti considerando che lo smartphone ha la scocca in plastica. In mano però si utilizza agevolmente e con un buon grip, merito anche dei bordi squadrati. 

Foto e video

Dicevamo che il comparto fotografico è piuttosto vistoso non solo in riferimento al look ma anche perché la digital camera principale dispone di un sensore da 108 megapixel, una cifra esagerata che normalmente si trova in prodotti di fascia più elevata ma non necessariamente è sinonimo di qualità. Accanto a questo elemento c’è una digital camera da 8 megapixel ultra-wide e una macro da 2 MP, mentre davanti una 16 megapixel.

Una configurazione almeno dal punto di vista tecnico buona e infatti il sensore principale si comporta bene grazie anche a una buona luminosità (f/1,9) e una grandezza dei pixel di 2,1μm. Le foto di giorno sono sempre di qualità, dettagliate e con una resa cromatica efficace ma di notte la resa è meno convincente anche se la funzione di intelligenza artificiale svolge un adeguato lavoro. 



Source hyperlink

Leave a Reply

Your email address will not be published.

close