News

cos’è e come curarsi con le piante medicinali

In cosa consiste la fitoterapia e come utilizzare le piante medicinali per prendersi cura del proprio corpo.

Le piante svolgono un ruolo importante per noi: fungono da alimenti, spezie o rimedi. La fitoterapia moderna utilizza i poteri curativi naturali delle piante in preparazioni medicinali basate su principi scientifici. Ecco come nasce questo tipo di rimedio in base agli specifici poteri curativi delle piante.

Che cos’è la fitoterapia?

Nel corso dei millenni, il principio della prova e dell’errore ha portato a importanti intuizioni sugli effetti che le piante possono avere e le ricette e i rimedi tradizionali sono stati continuamente perfezionati. Pertanto, la fitoterapia – nel corso del tempo – ha assunto una definizione sempre più precisa e specifica.

Erbe e infusi
Erbe e infusi

Si pone, infatti, come terapia e profilassi mediante medicinali di origine vegetale, cosiddetti fitofarmaci. I fitofarmaci contengono solo piante, parti di piante o prodotti di origine vegetale come oli essenziali, balsami e resine oleose come principi attivi. Possono essere sostanze monopreparate o combinate, anche se in medicina le sostanze pure non vengono mai utilizzate.

Principi attivi di piante medicinali e fitofarmaci

Le classi di sostanze chimiche responsabili dei diversi effetti delle piante medicinali non sono molte. All’interno di queste, le più piccole differenze nella struttura chimica dei composti spesso decidono quale effetto primario avrà sull’organismo.

Gli oli essenziali conferiscono a molte piante il loro caratteristico profumo. Applicati esternamente, stimolano il flusso sanguigno, mentre internamente i loro effetti differiscono. Alcuni favoriscono la secrezione dei succhi digestivi (spezie), mentre altri agiscono sui polmoni, stimolando la secrezione bronchiale (tosse).

Oli essenziali
Oli essenziali

Sostanze e sapore amari aumentano la formazione dei succhi gastrici e provocano un maggiore senso di fame, il che a sua volta significa che il cibo viene utilizzato e lavorato meglio. I cosiddetti tannini ne sono un esempio. In medicina, i tannini rendono l’infiammazione superficiale insensibile ai batteri, alleviando la diarrea e l’infiammazione delle mucose.

La struttura chimica delle saponine conferisce loro proprietà simili al sapone. A seconda della complessa struttura di queste sostanze, possono essere utilizzate sia per curare la tosse (es. primula ed edera), sia per stimolare l’attività renale (es. verghe d’oro, onosi), oppure per rinforzare le vene (ippocastano).

I benefici della camomilla

La mucillagine copre le mucose infiammate, formando uno strato protettivo. Per questo motivo, le piante con muco vengono utilizzate per alleviare la tosse (es. althaea). Anche le mucillagini vegetali fortemente rigonfie (advert es. semi delle pulci) possono essere utilizzate come lassativi delicati.

I flavonoidi sono sostanze di colore giallo che si trovano in quasi tutte le piante. Solo in alcune piante, però, sono usati terapeuticamente, in quanto è solo lì che troviamo i particolari tipi di flavonoidi nella giusta quantità: flavonoidi nel biancospino per l’insufficienza cardiaca, nel cardo mariano per danni al fegato, nella camomilla per un effetto antispasmodico e nelle foglie di betulla per un effetto diuretico.

Spesso, molti di questi gruppi di sostanze si trovano in una pianta, con effetti complementari. Ad esempio, il particolare effetto digestivo dei fiori di camomilla deriva dall’interazione di oli essenziali antinfiammatori e flavonoidi rilassanti.

Riproduzione riservata © 2022 – LEO


ultimo aggiornamento: 30-03-2022



Source hyperlink

Leave a Reply

Your email address will not be published.

close