Business

Crisi energia: Jamie Dimon (JP Morgan) invoca un Piano Marshall


Gli Stati Uniti dovrebbero prendere una posizione più forte sulla Russia, a dirlo il numero uno della grande banca d’affari Jp Morgan, Jamie Dimon che chiede un nuovo “piano Marshall” per garantire l’approvvigionamento energetico.

Nella sua lettera annuale agli investitori, Dimon ha esortato l’amministrazione del presidente Usa Joe Biden a prendere una posizione più forte contro le “nuove gravi realtà geopolitiche” che emergono dopo l’invasione della Russia in Ucraina, dicendo che spetta alle nazioni democratiche prendere una posizione “contro tutte le forme di male”.

Difesa, provide chain e piano Marshall: la lettera di Jamie Dimon

Dimon nel dettaglio ha invitato il governo americano a schierare più truppe, ristrutturare le catene di approvvigionamento e lanciare un nuovo “piano Marshall” per garantire l’approvvigionamento energetico in risposta alla guerra in Ucraina.

“Mentre scrivo questa lettera, la guerra in Ucraina sta infuriando da ben oltre un mese e sta creando una significativa crisi di rifugiati. Non sappiamo quale sarà il suo esito finale, ma le ostilità in Ucraina e le sanzioni sulla Russia stanno già avendo un notevole impatto economico. Hanno scosso i mercati globali del petrolio, delle materie prime e dell’agricoltura”.

Così Dimon secondo cui l’impatto della guerra, compresa la “potenziale ristrutturazione dell’ordine globale è molto più importante” sottolineando come la guerra potrebbe avere un impatto sulla geopolitica per decenni. Da qui il numero uno di JP Morgan ha esortato gli Stati Uniti a sviluppare un piano Marshall che ridurrebbe la dipendenza dell’Occidente dai combustibili fossili russi – riferendosi al programma di aiuti di Harry Truman del 1948 che aiutò l’Europa occidentale a riprendersi dalla seconda guerra mondiale.

“I nostri alleati europei, che sono altamente dipendenti dall’energia russa, hanno bisogno del nostro aiuto … Come stiamo vedendo – e sappiamo per esperienza passata – la fornitura di petrolio e gas può essere facilmente interrotta, sia fisicamente che da ulteriori sanzioni, con un impatto significativo sui prezzi dell’energia. La sicurezza nazionale richiede la sicurezza energetica per noi e per i nostri alleati all’estero.

Le tensioni si stanno già intensificando per la richiesta del presidente russo Vladimir Putin che, dal 1° aprile, tutto il gas acquistato dai paesi stranieri sia pagato in rubli. I paesi del G7 hanno finora respinto la richiesta di Mosca. Il numero uno della banca d’affari statunitense ha aggiunto che la risposta degli Stati Uniti dovrebbe anche comportare un maggiore budget militare degli Stati Uniti e il dispiegamento di più truppe ai confini della Nato aggiungendo che il governo americano dovrebbe impegnare miliardi di dollari per ricostruire l’Ucraina e sostenere i migranti in Europa.

“L’America deve essere pronta alla possibilità di una guerra estesa in Ucraina con esiti imprevedibili. Dovremmo prepararci al peggio e sperare nel meglio. Dobbiamo considerare questo come un campanello d’allarme … Abbiamo bisogno di rendere questa una posizione permanente e duratura per gli ideali democratici e contro tutte le forme di male”.

Jamie Dimon ha anche esortato l’amministrazione di Biden a “alzare le sanzioni”, ma ha riconosciuto che la mossa avrebbe avuto ripercussioni economiche oltre i confini della Russia.

 “Insieme all’imprevedibilità della guerra stessa e all’incertezza che circonda le catene di approvvigionamento globale delle materie prime, questo rende la situazione potenzialmente esplosiva”.

Così ha aggiunto Dimon secondo cui gli Stati Uniti dovrebbero ristrutturare le loro catene di approvvigionamento e assicurarsi di non dipendere più da paesi con “diversi interessi strategici” per fornire materiali ritenuti cruciali per la sicurezza nazionale, come terre uncommon o semiconduttori. Invece, gli Stati Uniti dovrebbero contare solo su aziende nazionali o su “alleati completamente amici” per beni e servizi chiave.

“Non possiamo e non dovremmo mai fare affidamento su processi che possono e saranno usati contro di noi, specialmente quando siamo più vulnerabili”, ha detto Dimon.

Gli analisti di JP Morgan prevedono già che il PIL della zona euro crescerà di circa il 2% nel 2022, invece del 4,5% previsto prima dell’invasione dell’Ucraina. Nel frattempo, gli Stati Uniti dovrebbero avere una crescita del PIL solo del 2,5% rispetto alle precedenti stime del 3% per il 2022. Infine il CEO di JPMorgan ha identificato tre forze che probabilmente plasmeranno il mondo nei prossimi decenni: un’economia statunitense che si riprende dalla pandemia di Covid; un’alta inflazione che inaugurerà un’period di tassi crescenti, e l’invasione della Russia in Ucraina e la conseguente crisi umanitaria.

“Presentano circostanze completamente numerous da quelle che abbiamo vissuto in passato – e la loro confluenza può aumentare drammaticamente i rischi futuri.



Source hyperlink

Leave a Reply

Your email address will not be published.

close