Business

Effetto dei prezzi del gas, l’Istat ritocca al ribasso il pil nominale per il 2021: da +7,5% a +7,2%


L’Istat ritocca al ribasso il pil nominale per il 2021 per effetto dei prezzi del gasoline. Il prodotto interno lordo a prezzo di mercato dello scorso anno è stato pari a 1.775.436 milioni di euro con un rialzo del 7,2% rispetto a un anno prima. Nelle precedenti stime l’Istat aveva invece anticipato un pil nominale di 1.781.221 milioni di euro correnti, in aumento del 7,5% sul 2020.

La scorsa settimana l’Istituto di statistica ha annunciato che il dato sarebbe stato rivisto il 4 aprile, e non più il 5 aprile come da calendario, ”al high quality di anticipare il rilascio della versione rivista delle stime dei conti nazionali (e in particolare di Pil e indebitamento delle amministrazioni pubbliche) che incorpora le rettifiche dei dati di importazione in valore del gasoline naturale per i mesi da luglio a dicembre 2021”. L’Istat, nella stessa nota, ha ricordato che ”le revisioni riguardano i valori nominali degli aggregati del conto delle risorse e degli impieghi mentre hanno effetti marginali sui valori concatenati”. Il prodotto interno lordo in volumi si conferma al +6,6% (1.677.567 mld) e il deficit al 7,2%.

Oggi l’Istat comunica che le tavole relative al pil nominale ”sono state sostituite a seguito della revisione sui valori per l’anno 2021 effettuata a causa della rettifica dei dati di importazione in valore del gasoline naturale allo stato gassoso per i mesi da luglio a dicembre 2021 e anche di alcune modifiche degli aggregati di finanza pubblica imputabili al normale processo di revisione”.
 



Source hyperlink

Leave a Reply

Your email address will not be published.

close