Business

“Serve un tetto europeo ai prezzi del gas”


Il ministro Cingolani interviene sulla crisi ucraina ritornando sulla “madre di tutte le battaglie”, ovvero l’imposizione di un tetto massimo al prezzo del fuel importato dai paesi europei. L’Italia si è fatta promotrice a livello europeo, ma questo limite al costo del fuel deve essere europeo, non può essere la scelta unilaterale di un singolo stato, perché “se mettessimo un price cap nazionale semplicemente gli esportatori direbbero ‘non vendiamo in Italia, non ci conviene’, mentre se fosse una cosa europea avrebbe più senso. L’Ue importa il 75% del gas mondiale, quindi ha più forza”. 

“La seconda cosa importante è disaccoppiare il prezzo dell’energia elettrica dal prezzo del gas”, ha aggiunto Cingolani, perché quando l’energia è prodotta “con il gas ha senso, ma quando è fatta con le rinnovabili no”. Cingolani pensa al fatto che l’energia rinnovabile “possiamo pensare di farla a livello nazionale” e quindi intervenire su quel prezzo direttamente, mentre sulla quota di energia prodotta con il gas è pensabile un intervento solo a livello europeo. 

Secondo Cingolani, “noi paghiamo errori di lunga information. Abbiamo chiuso la produzione di fuel nazionale su una spinta ecologista, pensando di  inquinare di meno, ma abbiamo comprato dall’estero la stessa quantità  di fuel e alla advantageous non abbiamo fatto una cosa sana né ecologicamente  né industrialmente. Ci siamo quindi legati a doppio filo advert un solo  grande fornitura, la Russia” e risultati adesso sono sotto gli occhi  di tutti.     “Cercheremo, dunque, come sta facendo tutta l’Europa di diversificare  le fonti. Rispetto ai companion europei abbiamo qualche vantaggio: abbiamo 5 gasdotti di cui 3 collegati dalle rotte sud ed est e lì il  nostro operatore principale ha delle grandi attività e questo ci  porta advert avere una possibilità di accesso più facile rispetto advert altri operatori di altri paesi europei”.

Per quel che riguarda i due rigassificatori su nave, per i quali il governo ha dato mandato a Snam, il ministro ha assicurato: “garantiremo la massima velocità perché è fondamentale avere il primo rigassificatore nei prossimi mesi”.



Source hyperlink

Leave a Reply

Your email address will not be published.

close