Lifestyle

Superbonus 110%, lavori in corso per 24 miliardi di euro



05/04/2022 – Come ogni advantageous mese, arriva puntuale l’aggiornamento di Enea con i dati nazionali e regionali relativi all’utilizzo del superbonus per gli interventi di efficientamento energetico degli edifici.
 
Al 31 marzo 2022, i lavori incentivati con la detrazione del 110% hanno generato investimenti per più di 24 miliardi di euro, mentre risultano aperti più di 139mila cantieri.
 

Superbonus, investiti 24 miliardi di euro

I dati dell’Enea relativi agli investimenti mostrano un aumento di 3 miliardi di euro rispetto a febbraio.
 
In totale sono state presentate 139.029 asseverazioni così distribuite: 21.775 per interventi in condominio, 72.980 per lavori su edifici unifamiliari e 44.271 per lavori su unità immobiliari funzionalmente indipendenti.

Si conferma il dato emerso anche nei mesi scorsi: il numero maggiore di interventi riguarda le unità immobiliari unifamiliari, più facili da realizzare perché non subordinati advert assemblee e delibere condominiali.
 
Gli investimenti medi sono pari a 111.375 euro per gli edifici unifamiliari e a 96.976 euro per le unità immobiliari funzionalmente indipendenti.

I lavori in condominio sono i più costosi: l’investimento medio è pari a 542.130 euro. Ne consegue infatti che, a fronte di un numero nettamente minore di lavori, gli investimenti per gli interventi sugli edifici condominiali ammontano a 11,8 miliardi di euro, cioè quasi la metà degli investimenti complessivi.
 

Superbonus, investimenti e lavori nelle Regioni

Si conferma stabile, rispetto ai mesi scorsi, la situazione nelle Regioni: quelle nelle quali i cittadini stanno fruendo di più del superbonus 110% sono la Lombardia con oltre 21mila cantieri per un valore di 4.016.675.835 euro, il Veneto con quasi 18mila cantieri dal valore di 2.421.719.966 euro, il Lazio con oltre 12mila cantieri per un valore di 2.244.714.123 euro e l’Emilia Romagna con oltre 11mila cantieri per un valore di 2.016.047.628 euro.
 
Il dato delle Regioni ricalca quello nazionale, con gli interventi nei condomìni che risultano inferiori in numero, ma superiori in termini di importo degli investimenti ammessi alle detrazioni.
 





Source hyperlink

Leave a Reply

Your email address will not be published.

close