Business

Tutti i lati oscuri del Cathie Wood pensiero. Il suo ARKK ETF tradisce gli investitori lasciandoli in balia di un rischio sempre più alto


  1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. buying and selling ›› 



FACEBOOK
TWITTER
LINKEDIN

L’anno nero di ARKK ETF, sceso del 45% in 12 mesi (dati a effective febbraio 2022), non è passato inosservato agli occhi di Morningstar che ha deciso di declassare da impartial a damaging la sua posizione sull’ARK Innovation ETF (ARKK) segnalando come il fondo creato da Cathie Wood e che nel 2020 period stato agli onori della cronaca come il grande vincitore nel primo anno pandemico. L’analista di Morningstar, Robby Greengold, rimarca come oltre alla debole efficiency dell’ultimo anno, significativamente maggiore della perdita media del 7,9% registrata dalla più ampia categoria di fondi tecnologici di Morningstar nello stesso periodo, a preoccupare sono soprattutto i “pochi segni di migliorare la sua gestione del rischio o la capacità di navigare con successo nel difficile territorio che esplora”.

Il fondatore e CEO di ARK Investment Management ha “raddoppiato il suo approccio pericoloso” quasi dimezzando la dimensione del paniere di ARKK da 60 costituenti meno di un anno fa a 35 di oggi. Una mossa che secondo Greengold amplifica sia il rischio specifico dell’ETF aumentando l’esposizione aggregata a società in cui la sua società madre possiede grandi partecipazioni. Quando il portafoglio di ARKK comprendeva 55 azioni, i dati Morningstar hanno mostrato che l’ETF possedeva almeno il 5% delle azioni scambiate pubblicamente in più di un terzo dei suoi costituenti e almeno il 10% del flottante in 10 delle aziende nel suo portafoglio. A livelli così elevati di proprietà, c’è un rischio reale che i cambiamenti nel patrimonio dell’ETF diventino un driver della efficiency dei titoli sottostanti.

“La dipendenza di Wood dal suo istinto per costruire il portafoglio è una responsabilità – si legge nel report di Morningstar – . Si tratta di un portafoglio ad alto rischio e indipendente dal benchmark che investe su piattaforme tecnologiche che il team ritiene rivoluzionerà il modo in cui operano i settori in tutto il mondo. L’azienda privilegia le società spesso non redditizie e i cui prezzi delle azioni sono altamente correlati. Piuttosto che misurare le esposizioni al rischio aggregate del portafoglio e simularne gli effetti durante una varietà di condizioni di mercato, l’azienda usa il suo passato come guida per il futuro e vede il rischio quasi esclusivamente attraverso la lente della sua ricerca bottom-up sulle singole società”.

Morningstar mette in evidenza anche il fatto che ARK ha un piano di successione scadente con la Wood (66 anni) che è essenziale come proprietario di maggioranza dell’azienda e gestore di portafoglio unico. Il direttore della ricerca Brett Winton le succederebbe se necessario, ma i suoi 15 anni di esperienza nel settore non includono nessuno come supervisor. “Ad aggravare il rischio è l’incapacità dell’azienda di sviluppare e trattenere il talento: molti dei suoi analisti sono andati e venuti e la maggior parte dei nove rimanenti non ha una profonda esperienza nel settore”.

Wood ha suggerito che la gestione del rischio non spetta a lei ma a coloro che investono nei fondi di ARK. È” difficile capire perché dovrebbe essere così. ARK potrebbe fare di più per evitare gravi prelievi di ricchezza e la sua negligenza sull’argomento ha danneggiato molti investitori negli ultimi tempi”, aggiunge Greengold.

Morningstar non è certo il primo a evidenziare le imperfezioni nell’ETF principale di ARK. L’anno scorso Michael Burry  – investitore reso famoso dal movie ‘The Big Short‘ – ha puntato short su ARKK.

Guardando ai dati da inizio anno l’ARKK ETF segna un calo del 28%. 





Source hyperlink

Leave a Reply

Your email address will not be published.

close