Business

Le Borse di oggi 21 aprile. Listini Ue in rialzo, attesa per Powell e Lagarde


MILANO –  Le Borse europee prcoedono in rialzo con i riflettori sempre puntati sull’Ucraina, mentre Mariupol si prepara a cadere sotto i colpi degli attacchi russi. Dopo la seduta mista di ieri a Wall Street, con Netflix protagonista assoluta forte di un calo del 35,12% dopo il dato in calo degli abbonati, i listini del Vecchio Continente si riaffacciano misti agli scambi e poi si rafforzano.  A Milano il Ftse Mib è in rialzo frazionale. Londra perde lo 0,05%, mentre Francoforte sale dell’1,17% e Parigi dello 1,51%. A scaldare le Borse anche le parole del vice presidente della Bce Luis De Guindos. Intervistao da Bloomberg ha soiegato che Francoforte potrebbe, a luglio, iniziare lo cease degli acquisti del Quantitative easing aprendo la strada così, nello stesso mese, a un rialzo dei tassi di interesse. “Non vedo ragione perchè non dovremmo interrompere il nostro porgramma di acquisto di asset a luglio” ha spiegato. Sul rialzo dei tassi (ora a -0,5% sui depositi e zero sui rifinanziamenti) “dovremo vedere le nostre stime, i differenti scenari, attualmente luglio è possibile e così settembre o più tardi”.

Arriveranno invece a mercati chiusi in Europa gli interventi di Jerome Powell e Christine Lagarde, presidenti di Fed e Bce, al assembly del Fondo Monetario Internazionale. Asia, seduta positiva per Tokyo. L’indice di riferimento Nikkei mette a segno un rialzo dell’1,23% a quota 27.553,06 aggiungendo 335 punti.

Saipem riduce le perdite nel primo trimestre

A Piazza Affari conti in leggero miglioramento per Saipem, dopo il maxi rosso registrato nel 2021. Nel primo trimestre 2022 Saipem ha visto migliorare il suo rosso, la perdita è stata di 98 milioni di euro (rispetto alla perdita di 120 milioni di euro nel primo trimestre del 2021) e “sconta rispetto al risultato netto adjusted costi per l’emergenza sanitaria Covid-19 di 13 milioni di euro” spiega una nota. Il risultato netto adjusted ammonta advert una perdita di 85 milioni di euro (perdita di 105 milioni di euro nel primo trimestre del 2021).

Euro stabile, in discesa lo yen

Tra le valute, l’euro è stabile all’avvio di giornata. La moneta unica passa di mano a 1,0849, in linea ai livelli di chiusura di ieri. In Asia lo yen perde quota a 128,1 (-0,28%). Poco mosso anche lo unfold. Il differenziale tra Btp decennali e omologhi bund tedeschi apre stabile sopra i 165 punti. Il tasso del rendimento è pari al 2,585%

Petrolio in rialzo

Sul fronte delle materie prime, prosegue il rialzo il prezzo del petrolio dopo lo scivolone dei giorni scorsi. Il Wti del Texas passa di mano a 103,7 dollari al barile (+1,46%) mentre il Brent del Mare del Nord avanza dell’1,59% a 108,5 dollari.



Source hyperlink

Leave a Reply

Your email address will not be published.

close