Lifestyle

Vanity Fair presenta MetaVanity, il primo museo nel Metaverso


«MetaVanity è il primo viaggio di Hadem in quello che siamo certi sarà la nostra dimensione come crew, come azienda ed ecosistema creativo e intellettuale», ha commentato Etan Genini, amministratore delegato e co-fondatore di Valuart. «Con MetaVanity, Vanity Fair ha saputo abbracciare in pieno i valori costitutivi della rivoluzione culturale figlia di questo momento. Ci ha permesso di ospitare alcune delle più straordinarie menti artistic di oggi, lasciandole libere di operare nel pieno rispetto della loro storia e diventare la vita di un contenitore che tutto vuole fuorché “contenere”, bensì liberare nell’etere esperienze e dare modo al visitatore di immergersi, vivere e scoprire ciò di cui moltissimi parlano, solo alcuni davvero studiano e purtroppo pochissimi stanno cercando di sostenere».

Gli artisti in mostra: Max Papeschi, Emanuele Dascanio, Quasimondo, Matt Kane, Skygolpe, Coldie, Jesse Draxler, Federico Clapis, Edo Bertoglio, Mimmo Dabbrescia, neurocolor, Billelis, Fabio Giampietro, Vhils, Kyle Kemink, Luna Ikuta, Dangiuz, Gammatrace, Stefano Contiero.

Si ringrazia Bialetti, presente alla conferenza stampa di presentazione di MetaVanity per offrire ai suoi ospiti la possibilità di degustare il bouquet aromatico tipico del vero espresso italiano. Universalmente conosciuta per aver inventato la Moka, Bialetti negli ultimi anni si è contraddistinta anche per la qualità delle miscele di caffè proposte, curando internamente tutte le fasi della torrefazione.



Source hyperlink

Leave a Reply

Your email address will not be published.

close