Business

Il ‘tribalismo’ da bitcoin deve finire, il ceo di Ripple attacca i massimalisti che non diversificano su più crypto


  1. Home ›› 
  2. Notizie ›› 
  3. Criptovalute ›› 



FACEBOOK
TWITTER
LINKEDIN

“Il tribalismo” intorno al bitcoin e alle altre criptovalute sta frenando l’intero mercato che vale 2.000 miliardi di dollari. Così il ceo di Ripple Brad Garlinghouse alla Cnbc. “Possiedo bitcoin, possiedo ether, possiedo anche altri”, ha detto Garlinghouse. “Sono assolutamente convinto che questo settore continuerà a prosperare” ma, continua, “la polarizzazione non è sana a mio giudizio”.

Il “massimalismo” di Bitcoin ha significato che l’industria delle criptovalute ha una “rappresentanza frammentata” a Washington, D.C., secondo Garlinghouse, ex dirigente di Yahoo che ha paragonato l’industria delle criptovalute oggi all’period delle dotcom della effective degli anni ’90 e dei primi anni 2000.

“Yahoo potrebbe avere successo e anche eBay … Stanno risolvendo problemi diversi”, ha detto. Attualmente ci sono decine di migliaia di criptovalute in circolazione, per un valore complessivo di 2.000 miliardi di dollari, secondo i dati di CoinGecko. Alcune monete digitali hanno avuto un seguito abbastanza dedicato – non ultimo il bitcoin, i cui sostenitori più accaniti sono spesso chiamati “massimalisti”.

Il co-fondatore di Twitter Jack Dorsey e il CEO di MicroStrategy Michael Saylor sono tra i cosiddetti massimalisti che sostengono solo bitcoin e non altre criptovalute. Secondo Garlinghouse story massimalismo ha significato che l’industria delle criptovalute ha una “rappresentanza frammentata” quando si tratta di fare pressione sui legislatori statunitensi. Il mese scorso, il presidente Joe Biden ha firmato un ordine esecutivo che chiede al governo di esaminare i rischi e i benefici delle criptovalute.





Source hyperlink

Leave a Reply

Your email address will not be published.

close