Lifestyle

Nella Giornata della Terra il beauty case si fa più responsabile


La Giornata della Terra, giorno in cui si celebra la salvaguardia dell’ambiente, cade esattamente un mese e un giorno dopo l’equinozio di primavera. Coincidenza o destino, questa giornata non cade ogni 22 aprile dell’anno senza una reale motivazione. Era infatti il Il 22 aprile del 1970 quando 20 milioni di cittadini americani, contrari a un appello del senatore democratico Gaylord Nelson, si mobilitarono in una storica manifestazione a difesa del Pianeta, dando ufficialmente inizio a quella che oggi chiamiamo Giornata della Terra. Perché ogni giorno la nostra Terra, grande, splendente ma anche molto fragile, combatte contro il surriscaldamento globale. Se non ci impegnamo a rispettare e salvaguardare il nostro Pianeta, un luogo ricco di meraviglie, potremo vederlo esaurire tutte le sue preziose risorse tra pochi anni. Per questo, oggi, la bellezza ha un approccio sempre più sostenibile. Dietro a una fragranza, a uno shampoo o a una crema, c’è molto più del mero ingrediente. Piuttosto alcuni prodotti sono da definirsi come piccoli gesti quotidiani che curano sì il nostro aspetto ma che abbracciano anche la filosofia di approvvigionamento etico, seguendo rigorosi processi d’integrità, come l’attenzione nel selezionare solo ingredienti provenienti da fonti sostenibili e flaconi riciclati con un concetto anche di refill che riduce le emissioni di carbonio. Sono quattro insomma i pilastri da considerare quando si opta per un magnificence case eco-friendly: agire a favore del clima, innovare in maniera sostenibile, preservare la biodiversità e creare un impatto sociale positivo. Per proteggere la biodiversità, le aziende che piantano, raccolgono o acquistano ingredienti devono rispettare l’ambiente sostenendo anche le popolazioni locali. Si stima infatti che ci siano oltre 350.000 diversi prodotti chimici sul mercato che finiscono nell’ambiente con impatti preoccupanti sulle funzioni cruciali della Terra e dei suoi sistemi. In breve i prodotti chimici, i pesticidi e la plastica colpiscono accumulando ulteriore stress sugli ecosistemi già stressati. E le emissioni di fuel serra dell’industria cosmetica hanno valori allarmanti. Tutti dati che impegnano i marchi di bellezza (e noi stessi consumatori) advert avere, entro il 2025, prodotti a impatto zero per preservare la Terra. Chi ancora non ha iniziato a optare per un magnificence case eco-responsabile, qui qualche concept da cui partire.



Source hyperlink

Leave a Reply

Your email address will not be published.

close