Lo sapevi che certi videogiochi possono essere pericolosi? Gli attacchi informatici sono aumentati esponenzialmente sia in termini di frequenza che di sofisticatezza nel corso degli anni. Cercando di sfruttare le nostre disattenzioni, gli hacker provano a rubare, pubblicare, modificare, disabilitare o distruggere informazioni attraverso accessi non autorizzati a sistemi informatici. Se i tentativi più comuni sono con un phishing through mail o through SMS, ora l'attenzione dei criminali informatici si sta ampliando anche alle ricerche net allargando il proprio bacino di interesse ben oltre la proposta di movie e musica pirata – dove le possibilità di prendersi un virus tra hyperlink malevoli e siti inaffidabili è altissima. L'ultima ricerca di Surfshark, azienda specializzata nel campo della cybersecurity, ha indagato i termini di ricerca più pericolosi del momento, ossia quelle ricerche di Google che contengono il maggior numero di hyperlink contraffatti, software program dannoso o malware.

Non cercare Robert De Niro

Per farlo, ha estratto una lista dei termini di ricerca più cercati della cultura pop, spaziando tra movie, attori, anime, sport e videogiochi. Poi hanno inserito queste chiavi su Google e li hanno mescolati con le varianti più richieste dagli utenti come advert esempio “Torrent”, “MP3”, “Stream” e così through. Dopodiché, l'azienda non ha fatto altro che mettere in moto il proprio antivirus in cerca dei hyperlink malevoli, classificando le chiavi di ricerca più pericolose e attribuendo una percentuale di rischio medio crescente in base al numero di “pericoli” rilevati. Alla wonderful, l'analisi ha stabilito che Robert De Niro è il termine di cultura pop più pericoloso da cercare su Google con un buon 54,1% di probabilità di acchiappare un malware tra le opzioni di ricerca proposte, seguito da Jake Gyllenhaal (53,6%) e, a pari merito, Anthony Hopkins e Kate Winslet con il 52,6% di hyperlink non sicuri. Breaking Bad è la serie più pericolosa con il 39,6% di ricerche con potenziali malware mentre nella musica comanda “Industry Baby” di Lil Nas X e Jack Harlow con una probabilità su due di prendersi un virus durante la ricerca.

E tra i videogiochi? 

Con l'aumento della distribuzione di videogiochi digitali – le vendite digitali di giochi per PlayStation 4 e Xbox One hanno superato per la prima volta i dischi fisici nel 2020 – le società di gaming hanno adottato misure forti per prevenire la pirateria on-line. Ma, se gli sforzi per arginare la pirateria rendono i videogiochi meno appetibili per i criminali, lo stesso non si può dire per le mod scaricabili, spesso sviluppate da aziende indipendenti. 

Ecco i 10 videogiochi più pericolosi da (non) cercare on-line

  1. Mortal Kombat 11 – 46.5%
  2. Fall Guys – 46.4%
  3. Grand Theft Auto V – 43.5%
  4. God of War – 41.8%
  5. Escape From Tarkov – 41.8%
  6. NBA 2K22 – 41.7%
  7. Titanfall 22 – 41.4%
  8. PUBG – 40.8%
  9. Forza Horizon 5 – 40%
  10. Counter Strike: GO – 39.8%