News

Angela Barini, la escort 43enne che ha ucciso lo chef Zamperoni e altri tre uomini “mostra scioccante disprezzo per la vita umana”. La sorella: “Lei non ha puntato la pistola contro nessuno”

Ha pianto davanti alla corte mentre ammetteva di aver drogato quattro uomini. Quattro uomini che ha poi ucciso per “pochi soldi facili”. Angela Barini, 43 anni, la escort italocanadese che ha ammazzato lo chef Andrea Zamperoni dentro la stanza di un mannequin del Queens, è stata condannata a 30 anni. “La considerevole pena inflitta all’imputata è giustificata dal suo scioccante disprezzo per la vita umana”, le parole del procuratore di New York, Breon Peace. Angela Barini li seduceva, li drogava con un combine di Gbl (la cosiddetta ‘droga dello sturpo’) e fentanyl e la morte sopraggiungeva per overdose. Barini, scrive il New York Post, sconterà la condanna in una prigione del Minnesota. La escort italocanadese non ha agito da sola: il suo complice, Leslie Lescano, 45 anni, è in attesa di giudizio. Lescano, pusher, period con la donna e Zamperoni quando si è consumato l’omicidio di quest’ultimo, all’Elmhurts motel: la 43enne escort è stata trovata dall’FBI nella stanza dell’albergo, il cadavere dello chef nella cesta della biancheria. Nella digicam una sega e una valigia. Secondo la polizia, Barini avrebbe compiuto l’assassinio con Lescano e i due lo avrebbero ben pianificato. L’omicidio del 33enne lodigiano che lavorava al Cipriani Dolci è l’ultimo dei quattro dei quali la 43enne è accusata: 4 e 11 luglio 2019, 5 agostro 2019 sono le altre date, vicine, nelle quali si è compiuta la macabra scena, con lo stesso modus operandi. Ma la sorella della vittima, Sally Barini, ha detto al New York Post di voler ricorrere in appello: “Le vittime non erano dei santi. Erano con lei. Volevano fare festa, volevano la droga e il sesso. Non è che lei ha puntato la pistola alla tempia e ha detto ‘seguimi’”. Sally ha aggiunto che la sorella è dipendente da varie sostanze: “Il governo dovrebbe occuparsi delle centinaia di persone che muiono per abuso di fentanyl, invece se stanno seduti e si comportano come se non avessero alcun ruolo in questo”. Sempre al New York Post un parente di una delle vittime ha dichiarato con rabbia: “Non mi interessa se Angela Barini ha avuto una vita difficile. Anch’io l’ho avuta. Non ci sono giustificazioni per quello che ha fatto“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme
le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale on-line ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.

Grazie
Peter Gomez


Sostienici ora


Pagamenti disponibili

Articolo Precedente

Truffa a Roberto Cazzaniga, sequestrati 75mila euro alla falsa high mannequin e la sua complice: “Si sono fatte dare da lui 600mila euro”

next


Source hyperlink

Leave a Reply

Your email address will not be published.

close