Lifestyle

Come sarà «The Batman 2» stando a Robert Pattinson e al regista Matt Reeves


È ufficiale: Robert Pattinson sta per tornare a indossare mantello e cappuccio in The Batman 2. (Titolo effettivo in arrivo).

Il regista Matt Reeves ha annunciato che dirigerà e scriverà il sequel durante la presentazione della Warner Bros. al CinemaCon – un evento commerciale annuale per proprietari di cinema e nerd. Mantenendo, prevedibilmente, il riserbo su qualsiasi dettaglio specifico sulla trama della prossima avventura del cavaliere mascherato, ha però confermato che, sì, Mr. Freeze apparirà e lo farà come nuova minaccia principale di Gotham.

Naturalmente, niente di tutto questo costituisce una vera sorpresa. The Batman è stato un enorme successo, che ha raccolto ben 759,3 milioni di dollari al botteghino globale e mosso un coro di peana della critica su tutta la linea – un raro doppio colpo per un cinecomic. 

Sapevamo che un nuovo Batman Cinematic Universe sarebbe stato avviato, se il primo capitolo fosse andato bene, cosa che tutti si aspettavano. In fondo, viviamo nell’period dei sequel senza high-quality, e per una volta, un seguito sembra davvero giustificato.

Bene, due serie spin-off erano già in cantiere (per HBO Max) prima ancora che dell’uscita del movie con Pattinson, il che sembrava ben più che una dichiarazione d’intenti. Ora non ci resta che godere dell’attesa del sequel.

Sembra che sia Pattinson che Reeves siano pieni di idee per il prossimo movie. La prima: Pattinson vuole che entri in scena un tredicenne, una versione giovane di Robin. Sarà doloroso per il povero ragazzo, che nei fumetti evaluate dopo essere stato picchiato a morte dal Joker. (Pattinson pensa che questa fedeltà sarebbe una cosa buona).

Reeves, del resto, ha sottolineato in passato che nel portare Batman sul grande schermo è “attratto dal trovare la versione con i piedi per terra di ogni cosa”, quindi non aspettatevi un improvviso 180° tonale in un’space camp come nel movie con Clooney. 

Due richieste. Per favore, niente più Nirvana. E non mettiamo fretta al Joker di Barry Keoghan, tagliato nelle sue prime scene nel movie originale.



Source hyperlink

Leave a Reply

Your email address will not be published.

close