Politics

Come fare sticker per Whatsapp

In attesa che WhatsApp conceda agli utenti di realizzare pacchetti di sticker direttamente all’interno dell’applicazione, a partire da un’immagine fornita secondo alcuni requisiti per essere elaborata e trasformata nei simpatici adesivi che ci si può scambiare, è possibile procedere in autonomia attraverso delle applicazioni esterne. Ne esistono moltissime sia per iPhone che per smartphone Android. Nel primo caso, fra le più word ci sono senz’altro Sticker Maker Studio o Sticker.ly, nel secondo WeMoji o StickerMaker. Ma, appunto, facendo attenzione a non scaricare app ingolfate di pubblicità o sospette, con un po’ di analisi e leggendo le recensioni se ne possono individuare molte altre.

Realizzare un pacchetto di adesivi è molto semplice. Dopo aver installato l’applicazione – nel nostro tutorial useremo Sticker.ly per iPhone – apritela, registratevi come preferite (through Facebook, Google o Apple) e dalla schermata che si apre premete sul bottone «+» in basso al centro. Selezionate poi se volete sticker animati a partire da un video o da una clip oppure regolari, che cioè non si muovano. Scegliamo nel nostro esempio regolari e poi consentiamo l’accesso alle foto del rullino. Selezioniamo una o più immagini che vogliamo trasformare in adesivi, clicchiamo su avanti, aggiungiamo eventualmente dei tag e salviamo. Selezioniamo nuovo pacchetto e, attenzione, anche l’interruttore «pacchetto privato» se non vogliamo che gli adesivi vengano resi disponibili per altri. Il gioco è fatto: premendo «aggiungi a WhatsApp» il set sarà automaticamente aggiunto e così disponibile nella collezione degli adesivi.

Il punto centrale è che l’immagine dovrebbe essere scontornata in modo da eliminare lo sfondo e approfondire così l’effetto adesivo, per distinguerlo da una normale immagine. Sticker Maker Studio consente di farlo sia in automatico, anche se il risultato è spesso deludente, sia a mano o seguendo delle maschere. Alla nice è possibile decidere colore e spessore del contorno, così da rendere le proprie immagini dei veri adesivi.

Altre storie di Vanity Fair che ti possono interessare 

WhatsApp, cos’è la truffa del finto vocale through e-mail

Come farsi pagare da Instagram

Source hyperlink

Leave a Reply

Your email address will not be published.