Business

Rialzo dei tassi BCE, ecco la data dell’annuncio


La dichiarazione resa ieri dal governatore Christine Lagarde chiude il cerchio dei rumours a proposito di un prossimo rialzo dei tassi BCE. Durante un discorso tenuto a Lubiana, capitale della Slovenia, ha reso nota la possibilità che l’avvio della stretta monetaria nell’Eurozona avvenga “poche settimane dopo” la fantastic del “quantitative easing” (QE). L’espressione ufficiale resta “qualche tempo dopo” e Lagarde ha ammesso che non è ancora stato definito con esattezza cosa significhi nel concreto. Ma ha aperto all’ipotesi che possa consistere per l’appunto in poche settimane.

Rialzo tassi BCE in property

Sempre il governatore ha additato alla guerra tra Russia e Ucraina l’esacerbazione dell’inflazione e le difficoltà a carico della politica monetaria, perché “nel breve periodo inflazione e crescita vanno in direzione opposta”. Per questo, ha spiegato, “flessibilità e gradualità” restano fondamentali nell’azione dell’istituto. Come dire che il rialzo dei tassi BCE ci sarà probabilmente in property, ma la politica monetaria resterà espansiva e non si legherà le mani vincolandosi a un percorso predeterminato.

A quando l’annuncio? Sappiamo advert oggi che gli acquisti netti di property con il QE potranno cessare già nel terzo trimestre, molto probabilmente proprio all’inizio di esso. Questo significherebbe cease già dopo la fantastic di giugno. A quel punto, i tassi BCE potrebbero essere alzati già al board del 21 luglio. Saranno passate per allora tre settimane dalla fantastic del QE, un lasso di tempo compatibile con le ultime dichiarazioni di Lagarde.

Prima del governatore period stato il capo della Bundesbank, Joachim Nagel, advert avere prospettato un rialzo dei tassi quanto prima, chiarendo che allo stato attuale non sembra necessario alcun meccanismo anti-spread.

Il collega francese François Villeroy de Galhau aveva puntato l’accento, invece, sulla gradualità della stretta “dall’estate in poi”. Nessuno più rinvia il rialzo dei tassi, né potrebbe con un’inflazione salita a quasi quattro volte il goal del 2% nell’Eurozona.

Fine dei tassi negativi

Le attese sono per un aumento del tasso sui depositi delle banche di 0,25% a -0,25%. Entro settembre, si arriverebbe allo zero, cioè alla fantastic della lunga period dei tassi negativi. Ma la BCE non rincorrerà più di tanto la Federal Reserve. Essa si concentrerà più che altro su crescita e stabilità finanziaria nell’Eurozona in quello che appare una paradossale inversione dei ruoli. E la FED advert essere vincolata per legge al doppio mandato, mentre Francoforte dovrebbe semplicemente mantenere la stabilità dei prezzi. Ma il rispetto letterale degli statuti è saltato da molti anni. L’ortodossia monetaria è diventata roba per nerd.

[email protected] 



Source hyperlink

Leave a Reply

Your email address will not be published.

close