Business

Azioni, timori di recessione non frenano acquisti degli americani


Lunedì le azioni statunitensi hanno aperto in rialzo mentre gli investitori hanno cercato di mettere una settimana difficile alle spalle.

Molto bene anche questo inizio di sessione di martedì per gli indici azionari statunitensi, che hanno aperto in rialzo quando gli investitori sono tornati da un lungo weekend per accaparrarsi azioni di società e banche in crescita a megacap, che hanno sofferto la scorsa settimana a causa delle preoccupazioni per una recessione economica globale.

Il Dow Jones Industrial Average è salito di 185,91 punti, o dello 0,62%, in apertura a 30.074,69. L’ S&P 500 ha aperto in rialzo di 40,47 punti, o 1,10%, a 3.715,31, mentre il Nasdaq Composite ha guadagnato 175,70 punti, o 1,63%, a 10.974,05 alla campana di apertura.

L’S&P ha avuto la sua settimana peggiore dal 2020 la scorsa settimana quando i timori di una recessione si sono intensificati dopo che la Federal Reserve ha alzato i tassi di interesse di altri tre quarti di punto percentuale e ha suggerito che più o meno lo stesso sarebbe arrivato a luglio.

La segretaria del Tesoro Janet Yellen è apparsa nei telegiornali della domenica negli Stati Uniti durante il fine settimana, dicendo che si aspetta un rallentamento ma una recessione non è inevitabile. I funzionari della Fed hanno preso una posizione simile negli ultimi giorni, incluso il presidente della Fed di St.Louis James Bullard, che lunedì ha minimizzato i timori di una recessione ma ha avvertito che l’inflazione pone dei rischi.

Gli investitori accumulano azioni statunitensi

Nonostante tutti i discorsi sui mercati ribassisti e i timori di una possibile recessione, gli investitori continuano a fare incetta di azioni americane.

Queste ultime hanno attirato 14,8 miliardi di dollari nella settimana fino al 15 giugno, la sesta settimana consecutiva di aumenti secondo gli analisti di Bank of America Corp, che ha citato i dati EPFR Global: in totale, 16,6 miliardi di dollari sono confluiti in azioni a livello globale nel periodo, mentre le obbligazioni hanno avuto i maggiori riscatti dall’aprile 2020 e poco più di 50 miliardi di dollari sono usciti in contanti, secondo i dati.

Il sentiment degli investitori sulle azioni si è ulteriormente inasprito settimana scorsa, con l’S&P 500 sprofondato in un mercato ribassista tra i timori che aumenti aggressivi dei tassi di interesse possano spingere l’economia in recessione. Lo stratega della Bank of America Michael Hartnett ha affermato che mentre i mercati sembrano “dolorosamente ipervenduti”, i rally saranno probabilmente venduti “fino a quando lo shock dei tassi non potrà certificare che lo shock inflazionistico sia passato”.

Hartnett ha affermato che sulla base dei mercati ribassisti passati, definiti come un calo del 20% per l’indice dai massimi recenti, quello attuale per l’S&P 500 si concluderà ad ottobre con l’indice a 3.000 punti, il 18% al di sotto dei livelli attuali.

In base allo stile di trading, le small cap statunitensi hanno guidato gli afflussi con $6,6 miliardi nell’ultima settimana, mentre per settore, tecnologia, materiali, assistenza sanitaria e servizi pubblici hanno tutti registrato aumenti. Energia, immobili e finanziari hanno avuto i maggiori deflussi.

Aumenta il risparmio degli italiani

Tutt’altro approccio è quello degli investitori italiani, che non solo non stanno facendo shopping di azioni, ma sulla scia dei timori legati alla guerra in Ucraina alla la pandemia preferiscono restare liquidi. Lo dimostra l’incremento dei soldi parcheggiati nei conti correnti, così come le richieste di prestiti. Un fenomeno che è diametralmente opposto a quello americano, ma che caratterizza da sempre il nostro paese.

A dirlo sono i dati sulle consistenze della Banca d’Italia che registrano un trend costante negli ultimi due anni. I depositi delle famiglie, in particolare, a marzo hanno sfiorato i 1.174 miliardi euro, segnando un progresso dello 0,21% su base mensile, quando è iniziata l’offensiva militare russa. Da marzo 2020, ovvero da quando è esplosa la pandemia, l’aumento è stato del 9,96%.

 



Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published.